“Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il vostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la vostra forza. Studiate, perché avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza.”
Antonio Gramsci, da “L’Ordine Nuovo”

Non bisogna essere necessariamente comunisti per aver letto da qualche parte, almeno una volta nella vita, queste parole; magari non direttamente su “L’Ordine Nuovo”, ma anche solo di sfuggita su internet, per esempio, o su un quotidiano (di sicuro non su “Libero”) ma sicuramente su qualche libro che ci è capitato di leggere.
Non tutti hanno però la possibilità di leggere un classico, una biografia di un personaggio politico di spicco e subito dopo confrontarsi con altre persone che condividono la stessa passione per la cultura, la storia, la lettura.

Forse non tutti sanno che a Campoleone (località compresa nel Comune di Lanuvio) c’è la possibilità di farlo. Nella sede dell’Associazione Comunisti Italiani Casa Gramsci si trova una folta biblioteca costituita da numerosi testi donati alla sezione da compagni, compagne, ma anche da concittadini non schierati politicamente.

Dire che c’è l’imbarazzo della scelta è un eufemismo. Basta soltanto dare una veloce occhiata agli scaffali della libreria, che subito balzano agli occhi testi come: Don Chisciotte, Il fu Mattia Pascal, Il Nome della rosa, tutti i numeri de La Storia d’Italia, de La storia della diplomazia, tutta la collana completa dei più grandi filosofi della storia, da Karl Marx ovviamente, a Alexis De Tocqueville, uno dei padri del liberismo.

Per non parlare della ricca e bellissima collezione del celeberrimo magazine statunitense The Rolling Stone. In tempi come questi, in cui la tecnologia la fa da padrona, più di qualcuno potrebbe snobbare una tale potenziale “attività ricreativa”, senza soffermare il pensiero sul fatto che aderire ad una iniziativa come questa potrebbe davvero rivelarsi un’opportunità, per i cittadini di Campoleone e Lanuvio, di intraprendere un reale confronto tra persone che hanno idee (politiche e non) differenti riguardo a una determinata tematica.

Si ha la possibilità, inoltre, di poter vivacizzare e scuotere, sul piano intellettivo e dei rapporti sociali, una frazione (Campoleone) che vive una vera e propria paralisi culturale e ricreativa e che da sempre la caratterizza. Chi vuole perciò consultare una enciclopedia, un libro che possa reputare interessante o addirittura mettere a disposizione di tutti un vecchio libro che volesse avere il piacere di far conoscere ad altri, sappia che le porte dell’Associazione Casa Gramsci sono aperte a tutti.